Le convocate per Novara

ferrari

Read more...

Sabato assisteremo alla prima gara femminile del "dopoagosto".
Ecco a voi le convocate dal Direttore Tecnico Nazionale femminile:

Vanessa FERRARI
Erika FASANA
Elisa MENEGHINI
Lavinia MARONGIU
Lara MORI
Martina RIZZELLI

Le ginnaste individualiste saranno:

Giorgia CAMPANA
Sofia BONISTALLI

Gamba ragazze, forza!!!

Novara Cup, ci siamo.

_DS39721

Read more...

Manca poco ormai al primo eventodi questo settembre per la ginnastica artistica femminile. Ci ritroveremo sabato prossimo a Novara per il quadrangolare tra Belgio, Svezia, Spagna e Italia.
Qui sotto la lista delle atlete, così come comunicate dai rispettivi comitati nazionali.
La nostra squadra invece sarà comunicata in questi giorni. Intanto le atlete convocate per il collegiale a Brescia si ritroveranno il 2 settembre per partire direttamente verso Novara il giorno 5. Buon lavoro a tutte.
BELGIO
VERSCHUEREN, Lisa
MYS, Gaelle
WAEM, Laura
VANDERSTEEN, Eline
MOTTEN, Dorien
VERSONNEN, Lin
CROKET, Julie

verschueren_lisa_2

SPAGNA
Roxana Popa
M.a Paula Vargas
Cintia Rodríguez
Ainhoa Carmona
Claudia Colom
Ana Perez
Marta Costa
_FT01527

SVEZIA
Adlerteg

Larsson
Singmuang
Gustafsson
Estberg
Wagner
Wanstrom
svezia

Le convocate per il collegiale in vista della Novara Cup

_DS36019

Read more...

Brescia: ecco le convocate al collegiale per la Novara Cup del 6 settembre.
Il DTNF Enrico Casella ha indetto un allenamento collegiale che si terrà dal 2 al 5 settembre a Brescia, al termine del quale le ginnaste interessate partiranno direttamente per Novara, dove si terrà l'Incontro Internazionale ITA-ESP-SWE- BEL.
In attesa, a brevissimo, di svelarvi i nomi delle atlete convocate dalle altre nazionali, eccovi i nomi delle convocate al collegiale.

Le ginnaste convocate sono:

CAMPANA Giorgia
FASANA Erika
FERRARI Vanessa
MARONGIU Lavinia
MENEGHINI Elisa
RIZZELLI Martina
MORI Lara
LEOLINI Alessia
BONISTALLI Sofia

Le junior USA a Jesolo

Si sono conclusi i P&G Champs e Márta Karolyi ha da poco definito la nuova squadra nazionale junior, che avremo sicuramente modo di incontrare di nuovo a Jesolo l'anno prossimo.
A proposito, voi lo sapete quale è la cosa italiana che piace di più alle giovani stelline americane?
E cosa significa per loro gareggiare in Italia lontano dalla famiglia?
Oggi pomeriggio vi pubblicheremo una inedita e simpatica video-intervista che avevamo fatto qualche mese fa a Nia Dennis, Bailie Key, Norah Flatley, Ragan Smith, Jordan Chiles ed Emily Gaskins! 

IOSY, UN’AZZURRINA D’ARGENTO!

10395198_10152328913301868_4832672555198425019_n

Read more...

Youth Olympic Games, Nanjing 2014.

Classe 1999, poche parole, tanti fatti.

Potrebbero bastare queste poche parole per descrivere Iosra Abdelaziz, indubbiamente una delle più giovani promesse italiane. Si è presentata in Cina con una sola certezza, quella di essere la vice campionessa italiana assoluta e tante speranze, prima fra tutte, centrare la finale alle sue amate parallele.
Qualche giorno prima della partenza, ci eravamo recati a Brescia per assistere ad uno dei tanti collegiali che il DTNF Enrico Casella ha fissato per questa estate. Qui potete leggere cosa ci aveva raccontato a riguardo: http://www.ginnasticaartisticaitaliana.it/2014/08/11/adesso-parliamo-di-collegiali/

_DS35586

Come ci era apparsa Iosra? Tranquilla, assolutamente tranquilla. E come abbiamo poi visto questo è indubbiamente il suo punto di forza. Sotto gli occhi attenti di Marta Cerri, la sua allenatrice, provava e riprovava gli esercizi senza aprire bocca, non commetteva nessun particolare errore e questo ci aveva già fatto capire che qualcosa di importante sarebbe potuto accadere.

10360242_10152322995656868_244438630728068545_n

Gareggiare in Cina è già qualcosa di straordinario: gli spazi, le strutture, la grandezza delle palestre stupiscono sempre tutti, se poi ci aggiungiamo un villaggio olimpico, tantissimi altri atleti di tantissimi altri sport, che condividono con te una vita passata ad allenarsi e il desiderio di dare il massimo con la consapevolezza di rappresentare un intero Paese, l’emozione sale a mille. “Qui è tutto bellissimo” ci aveva detto Iosy la sera prima della gara.

10577087_10152322996721868_4881373909877004058_n

18 agosto, qualificazioni.

La sua prima gara in quella grande Arena non poteva andare meglio: quattro esercizi ben eseguiti, nessun errore. La sua Olimpiade è iniziata proprio alle parallele. Qui Iosy è stata bravissima, ha saputo controllare bene ogni movimento, incantando sia i commentatori della gara che il pubblico che la seguiva da casa. Un 13.100 che faceva ben sperare. E’ passata poi alla trave, dove di solito l’emozione può giocare qualche brutto scherzo, ma a Iosy questo non è successo, anzi sembrava fosse una ginnasta senior con molta più esperienza alle spalle, pulita, sicura e massima concentrazione. Ha ottenuto un buonissimo 13.250. Anche il corpo libero è andato bene, nonostante la sua nota di partenza D fosse più bassa rispetto ad altre ginnaste in gara si è saputa difendere egregiamente (12.800). La sua gara è terminata al volteggio, dove ha presentato un avvitamento da manuale, che le è valso un 9.0 di esecuzione permettendole di ottenere un bel 14.000.
La giornata non poteva andare meglio: Iosy centra tutte le finali a sua disposizione, AA, parallele, trave e corpo libero.

20 agosto, finale AA.

Passata l’emozione della prima gara, si poteva pensare in un piccolo calo di concentrazione, spesso succede a chi è ancora all’inizio della carriera. In questi giorni infatti abbiamo assistito a tanti errori da parte di praticamente tutte le ginnaste in gara, ma non da Iosra. Anche nella finale all around, che abbiamo poi scoperto aver affrontato con un po’ di febbre, Iosy è stata impeccabile. Quattro esercizi puliti e ben eseguiti, peccato solo per la trave, dove avrebbe sicuramente potuto prendere qualcosina di più, ma questo non avrebbe comunque cambiato di molto il punteggio finale. Iosy si piazza al sesto posto, un sesto posto che le fa onore.

23 agosto, finale alle parallele.

La sua finale. Iosy parte per settima e quindi ha la fortuna o sfortuna (dipende dai punti di vista), di poter vedere i punteggi delle sue rivali prima di salire sugli staggi, sa quanto può fare e sa quanto deve fare se vuole arrivare sul podio. Testa alta e sangue freddo, un elemento dopo l’altro ben eseguito, nonostante due piccole indecisioni che ci hanno fatto trattenere il fiato, Iosy conclude con uno tsukahara perfettamente stoppato un altro buonissimo esercizio! Un 13.366 che la conferma al secondo posto, un 13.366 che le regala uno splendido argento!

10636283_10152322996016868_7912120998024979625_n

24 agosto, finale alla trave e al corpo libero.

1972275_10152322996856868_4949178099710616264_n

Il più è passato, l’obiettivo è stato raggiunto, ma le gare non sono ancora finite. Iosra affronta le ultime due finali che aveva centrato, quella alla trave, che la vede concludere in quarta posizione e quella al corpo libero, dove ottiene il sesto punteggio. E’ il quarto giorno di gare ed è l’undicesimo esercizio, eppure anche qui, Iosy non commette nessun errore! Non riesce ad imporsi nuovamente sul podio perché i valori di partenza delle rivali sono decisamente più alti dei suoi, ma siamo certi che questo sarà un ulteriore stimolo per continuare a lavorare e a puntare sempre più in alto.

10599400_10152322996416868_6835151533409117850_n

E si rientra in Italia così, con un argento al collo, una splendida esperienza e tanta tantissima voglia di tornare ad avere quei cinque cerchi sulla maglietta, quelli dei “grandi” però... quelli di Rio!

S.V.