News

MONDIALI 2017: TEAM USA, CHI ANDRA’?

20157283_749041038600396_2640521153781560951_o

Read more...

Si avvicinano i Mondiali individuali di Montreal, i primi ai quali la regina indiscussa dell'ultimo quadriennio, Simone Biles, non sarà presente. 
Alla nazionale più forte al mondo però, mancherà anche il supporto di Aly Raisman, Gabby Douglas, Madison Kocian e Laurie Hernandez, ossia quello di tutte le olimpioniche uscenti.
Tuttavia, visto l'altissimo livello tecnico della squadra, questo potrebbe tranquillamente non incidere sul numero di podi che verranno conquistati dagli Stati Uniti. Che ne pensate voi?
E come ogni anno, prima della selezione definitiva della squadra, si tengono in America i campionati nazionali.
Vediamo quindi quali sono le ginnaste senior del team nazionale convocate da Valeri Liukin per i Classic, che si terranno il prossimo 29 luglio in Illinois.

Alyona Shchennikova
Morgan Hurd
Emily Gaskins
Sydney Johnson-Scharpf
Victoria Nguyen
Abby Paulson
Margzetta Frazier
Riley McCusker
Ashton Locklear
Trinity Thomas
Ragan Smith
Deanne Soza
Jordan Chiles

Ilaria Leccardi e “Igor Cassina. Il ginnasta venuto dallo spazio”

19990270_744899895681177_5623977154078231093_n

Read more...

Ci sono storie che è impossibile non raccontare, che quasi si scrivono da sole, basta cogliere il momento e farsi travolgere dal desiderio di conoscenza. Ci sono persone che lasciano il segno, nella storia dello sport come nella vita. Impossibile non accorgersi del loro passaggio su questo mondo. Igor Cassina e la sua favola divenuta realtà sono tra queste. Se poi si conosce l’uomo, al di là del campione, del genio sportivo capace di innovare inventando il funambolico ‘movimento Cassina’ e di trionfare nell’Olimpo a cinque cerchi, tutto diventa estremamente più semplice. Anche per chi, come me, spesso va alla ricerca delle storie difficili, di quelle nascoste, di quelle turbolente.

Lo inseguivo da tempo, fin dalla prima volta che lo vidi dal vivo salire su quella sbarra che toglie il fiato, tra l’impercettibile cigolio delle granvolte e l’interruzione del respiro a ogni salto. Lo inseguivo soprattutto da quella volta in cui, parlando con sua sorella Mara, pensai che la prossima storia raccolta in un mio libro avrebbe dovuto essere la sua. Dopo essere comparso nel mio “Polvere di magnesio”, assieme agli altri Senatori azzurri che hanno portato l’Italia della ginnastica sul tetto del mondo, il campione di Meda meritava un libro a lui dedicato. E così è nato “Igor Cassina. Il ginnasta venuto dallo spazio”, pubblicato ancora una volta da Bradipolibri, una casa editrice generosa e coraggiosa, la prima ad aver lanciato una serie di volumi sulla ginnastica artistica e ritmica, ascoltando le esigenze di un mondo che chiedeva di essere raccontato.

Per me sviscerare la storia di un campione (e uomo) di questo calibro è stato un onore. Abbiamo ripercorso insieme la sua storia, fin da quando, alto, magro e gracile, si presentò a sei anni in palestra e nessuno credeva che avrebbe potuto fare strada. Ma l’amore era scoppiato a prima vista e Igor, tutti ormai lo sanno, se ha un obiettivo lo deve raggiungere. Ha superato tanti ostacoli, dalle difficoltà date dal suo fisico ai numerosi infortuni, ma il sogno era lì, lontano eppure ben visibile. E così la vittoria di Atene, in quella assurda finale con dieci ginnasti, con gli infiniti minuti di protesta per il punteggio assegnato al russo Aleksei Nemov, considerato troppo basso dal competente pubblico del palazzo dello sport della capitale greca. E poi i momenti difficili della carriera, perché tutti, anche un ragazzo vincente come Igor, devono affrontarli per crescere. Come i Mondiali del 2006 ad Arhus, quelli che l’Italia e il mondo intero ricorderanno per la straordinaria vittoria nell’all-around femminile di Vanessa Ferrari a 16 anni ancora da compiere. Ebbene, fu proprio quello il momento più difficile per il campione di Meda. Il timore di eseguire il proprio movimento alla sbarra, la caduta, il dolore. Quindi la risalita, fino a sfiorare una nuova medaglia olimpica a Pechino e vincere poi quella mondiale a Londra nel 2009.

Igor è stato e sarà per sempre un grande ginnasta ma, il libro lo racconta, ha saputo trasformarsi anche in un ottimo allenatore, maratoneta e oggi coach al servizio del benessere, nella sua nuova vita professionale. Quest’opera che, non smetterò mai di dirlo, ho avuto la fortuna e il privilegio di scrivere, oltre a raccogliere anche le voci di tante figure che hanno accompagnato Cassina nella sua vicenda sportiva e umana negli anni, tra cui l’ex presidente della Federazione Internazionale di Ginnastica Bruno Grandi, ha un qualcosa che la rende unica, e non certo grazie a me. Sono i pensieri (pillole a chiusura di ogni capitolo) in tema motivazionale che Igor ha voluto includere, per lanciare un messaggio positivo e una possibilità di riflessione ai lettori. Dall’importanza di inseguire il proprio sogno alla necessità di passare attraverso difficoltà e ostacoli per raggiungerlo, da quanto sia fondamentale l’autostima alla volontà di parlare di rinunce e non di sacrifici in una strada che conduce all’obiettivo. La medaglia vera, lo testimonia lui stesso, non è tanto quella d’oro che lui sì è riuscito a mettersi al collo nell’attimo più importante, ma il percorso che ognuno di noi può intraprendere per inseguire il proprio sogno. Nel momento in cui riusciamo a essere coerenti con noi stessi la vittoria è già nelle nostre mani, a prescindere da quale sarà il risultato.

Abbiamo presentato “Igor Cassina. Il ginnasta venuto dallo spazio” in anteprima a Meda, lo scorso 5 luglio, davanti a un bagno di folla a dir poco commuovente. Lo riporteremo davanti agli appassionati in occasione del Polvere di magnesio Festival che illuminerà l’estate di Rapallo nell’ultima settimana di luglio, tra stage con campioni azzurri e serate dedicate alla ginnastica. Venerdì 28 luglio sarà proprio il momento della presentazione del libro, assieme a Igor.

Chiudo queste riflessioni con la gioia di poter annunciare che, contemporaneamente al nuovo viaggio che sto lanciando per presentare il libro, ne inizio uno altrettanto entusiasmante sulle pagine di questa straordinaria testata online che così bene in questi ultimi anni ha raccontato la ginnastica italiana. Da “malata” di questo splendido sport e giornalista appassionata è un onore e cercherò di dare il mio piccolo contributo.

I.L.

Assegnate le Olimpiadi: Parigi e Los Angeles

20031585_744537962384037_6494554549776158964_n

Read more...

Il Comitato Olimpico Internazionale (IOC) ha approvato a Losanna, in Svizzera, un accordo con le città di Parigi e di Los Angeles per l’assegnazione delle Olimpiadi estive del 2024 e del 2028. La decisione definitiva su quale città si occuperà di un’edizione e quale di un’altra sarà assunta il prossimo 13 settembre.

La favorita per l'edizione 2024 pare Parigi e quindi sarebbe Los Angeles ad occuparsi dell'edizione 2028. Una decisione nuova quella di assegnare due edizioni in contemporanea, presa dal IOC visto lo scarso interesse a candidarsi come sede ospitante delle Olimpiadi.

Negli ultimi anni infatti, dopo l'edizione di Atene, sempre più pressante si è fatta l'opinione che il costo dell'organizzazione non sia ripagato minimamente dal ritorno economico anche negli anni a venire. Londra è stata una parentesi positiva, Rio ha vissuto momenti drammatici con disordini e proteste e Tokyo (prossima ospitante per i giochi del 2020) ha già annunciato di aver ampiamente sforato i budget e di soffrire economicamente. 

F.T.

Massimo Gallina alla Ginnastica Salerno

19554432_738851202952713_4899676629768999693_n

Read more...

La Ginnastica Salerno informa che da oggi Massimo Gallina, storico allenatore della Pro Lissone Ginnastica nonché della nostra azzurra Enus Mariani, è ufficialmente entrato a far parte del loro staff tecnico.
Massimo seguirà il settore femminile, insieme all'ex ginnasta della nazionale, Emily Armi, e Luca Zanfolini. L'obiettivo della società è quello di arrivare alla serie A in tre soli anni!!!
Altro trasferimento importante, altro cambiamento, è evidente la continua crescita motivazionale e tecnica della società di Salerno, che vi ricordiamo ospiterà l'ultima di serie A ad Eboli a settembre!

Un in bocca al lupo a Massimo, alla società Salerno e ovviamente uno anche ad Enus e compagne della Pro Lissone: i nuovi capitoli, sono nuovi inizi tutti da scrivere!

Buon lavoro 

ELISA MENEGHINI SI ARRUOLA

19105919_729832373854596_8046431625425852260_n

Read more...

E' ufficiale, il prossimo 12 giugno 2017, la nostra piccola grande Elisa sarà a Roma per l'incorporazione.
Elisa entrerà così, a far parte del Centro Sportivo dell'Esercito Italiano... che onore, complimenti! 😍

Riconoscimento più che meritato dopo tutti questi anni in Nazionale e dopo le innumerevoli partecipazioni internazionali, fra Europei, Mondiali ed Olimpiadi. Auguri Eli per questo nuovo capitolo che siamo certi darà al tuo lavoro un ulteriore motivo di orgoglio.

Congratulazioni! <3

- concorsi.difesa.it